Avvio alla Logica e al Discorso Giuridico (Torino)

 

Anno accademico 2013/2014

Codice dell'attività didattica
-
Docenti
Prof. Raffaele Caterina (Titolare del corso)
Dott. Mario Deganello (Titolare del corso)
Dott. Massimo Durante (Titolare del corso)
Prof. Domenico Francavilla (Titolare del corso)
Prof. Lelio Lantella (Titolare del corso)
Prof. Barbara Lavarini (Titolare del corso)
Dott. Matteo Lupano (Titolare del corso)
Dott. Valeria Giusi Francesca Marceno' (Titolare del corso)
Dott. Francesco Pallante (Titolare del corso)
Dott. Barbara Petrazzini (Titolare del corso)
Dott. Raffaella Siracusa (Titolare del corso)
Dott. Saverio Masuelli (Titolare del corso)
Anno
1° anno
Tipologia
Di base
Crediti/Valenza
3
Modalità di erogazione
Tradizionale
Lingua di insegnamento
Italiano
Modalità di frequenza
Facoltativa
Tipologia d'esame
Scritto ed orale
 
 

Obiettivi formativi

 

Il corso e' finalizzato a indirizzare richiami attenzionali che siano di supporto per acquisire o consolidare conoscenze ed abilità elementari per le seguenti operazioni:

  • qualificare;
  • definire;
  • classificare;
  • esemplificare;
  • intendere e produrre regole (la regola e' una informazione avente struttura"SE X ALLORA Y");
  • argomentare (argomentare e' l'operazione di discorso che consiste nel sostenere o respingere una"informazione" - detta"tesi" - avvalendosi di altre informazioni - dette"argomenti").

In considerazione delle finalità del corso (acquisire non soltanto conoscenze ma anche abilità) la didattica e' caratterizzata da prove pratiche attinenti alle operazioni su cui vertono le lezioni; in conseguenza, e' richiesta la partecipazione attiva degli studenti.

 

Risultati dell'apprendimento attesi

PROVA FINALE E CREDITI

La prova si svolge in forma scritta e richiede di:

  • definire tre termini di linguaggio comune;
  • formulare tre classificazioni, con indicazione dei rispettivi criteri distintivi;
  • formulare definizioni o esempi relativi a tre termini-chiave afferenti alle perazioni oggetto del corso (dal qualificare sino all' argomentare);
  • intendere un enunciato di forma comune e"tradurlo" nella forma canonica della regola ("SE X ALLORA Y");
  • formulare un argomento a sostegno di una tesi

I termini da definire, gli insiemi da classificare, gli enunciati da "tradurre" in forma di regola, la tesi da supportare con argomenti, vengono indicati (al Candidato) nel documento che la Commissione distribuisce in sede di prova. La durata della prova e' di un'ora.
Il superamento della prova dà luogo alla acquisizione di tre crediti.
In caso di mancato superamento di due prove scritte, la terza prova avviene in forma orale.

 

Programma

Programma non disponibile

 

Testi consigliati e bibliografia

Ai fini di una proficua preparazione per l'esame di Avvio alla Logica e al Discorso Giuridico è necessario avvalersi di:

1) L. LANTELLA - E. STOLFI - M. DEGANELLO, Operazioni elementari di discorso e sapere giuridico, Giappichelli, Torino, 2007, Ristampa integrata e corretta,, pp. 1- 168 (più Glossario tecnico, pp. 168-191) (per la sola parte del programma inerente alle operazioni copulative);

2) materiale "liberamente" scaricabile dalle pagine "dedicate" di cui al Sito di Facoltà - www.giurisprudenza.unito.it , link Logica e Discorso Giuridico, sublink Materiali (per la sola parte del programma inerente all'astrazione di regole ed alla teoria dell'argomentazione).

 

Note

Per ragioni meramente organizzative, il Corso (non obbligatorio; é l'Insegnamento ad essere tale) ha luogo nelle settimane di settembre antecedenti all'inizio "ufficiale" dell'Anno Accademico. Ad esso partecipano gli studenti del primo anno (nonché studenti di anni successivi che ne ravvisino la necessità), i quali vengono ripartiti in gruppi sulla base della lettera iniziale del cognome: tale partizione, con adeguato anticipo, e' affissa all'albo della Presidenza ed e' pubblicata sul sito della Facoltà; per la partecipazione al corso, e per sostenere la prova finale, non e' richiesto il previo superamento di alcun altro esame.

Date, luoghi e cadenze delle varie articolazioni del medesimo verranno del pari comunicate, con adeguata tempestività, sul sito della Facoltà.

 
Ultimo aggiornamento: 19/05/2014 15:19
Campusnet Unito
Non cliccare qui!